2019 Cori Fare festa con DIO - ilcoloredeisuoni

Vai ai contenuti

2019 Cori Fare festa con DIO

...E Non Solo > RASSEGNA_CORI
VOLPIANO Chiesa parrocchiale Santi Pietro e Paolo Apostoli
Volpiano - IL COLORE DEI SUONI

 
Il Colore dei Suoni nato nel 2000, con alcuni ragazzi rappresenta spettacoli teatro-musicali e concerti di vario genere per scopo benefico a favore di varie Associazioni o di singole iniziative .

Siamo un gruppo composto da elementi che hanno un età che va dai sette agli oltre quarant’anni ed ognuno di noi si sente coinvolto e partecipare secondo le proprie possibilità e le proprie capacità, musicali, teatrali, scenografiche, tecniche ed organizzative.

In questa armonia di parole balli e musica c’è la voglia di comunicare, è nostro intento diffondere un pensiero di Pace e Amicizia, lo scopo è mandare un messaggio di serenità e allegria per chi viene ai nostri spettacoli e soprattutto per noi credere in quello che diciamo divertendoci anche con semplici prove.
Volpiano - Coro parrocchiale Santi Pietro e Paolo Apostoli
“Il nostro cammino è un percorso che si snoda su ormai più di 40 anni di servizio liturgico e che possiamo riassumere con i titoli delle nostre rare esibizioni extra-celebrazione “Svegliamo le nostre chitarre”, “Semplicemente cantando una lode al Signore”,  “Canto per Te”. Un cammino che accompagna la reghiera, una strada percorsa con il canto eseguito con gioia al ritmo delle chitarre e della tastiera, con uno stile moderno, spinti dalla consapevolezza che non esiste una regola per dare lode al Signore. A volte difficoltoso, ma anche gratificante soprattutto quando riusciamo ad “aiutare a pregare”. Un percorso di un gruppo (piuttosto che un coro) autodidatta senza un vero e proprio maestro, se non quello con la M maiuscola”.
In questa occasione e nelle feste più importanti il nostro gruppo si arricchisce dell’apporto del coro delle 18 (che presta servizio dal 1995 e solitamente è accompagnato dall’organo a canne) riunendo e armonizzando voci e stili diversi nell’unico intento: creare unità con la preghiera, la gioia e la lode.
Il gruppo Cantoria della Parrocchia San Dalmazzo di Cuorgnè nasce intorno agli anni ’70 con il compito di animare le celebrazioni liturgiche della Comunità.
Nella conduzione del medesimo, si sono succeduti diversi direttori come il Maestro Zamengo, al quale si deve anche la composizione di alcuni brani liturgici, e molti altri, fino alla direzione attuale affidata alternativamente ad Alessia, Erika, Fulvia e Monica.
La strumentazione utilizzata per l’accompagnamento musicale viene adattata a seconda delle occasioni, utilizzando organo, pianoforte elettronico, basso elettrico,
contrabbasso, chitarre acustiche ed elettriche, fisarmonica, congas, cajon e strumenti a fiato. Il gruppo si inserisce all’interno della comunità e delle attività parrocchiali con un repertorio vocale che spazia fra i vari generi liturgici, compresi canti missionari in diverse lingue. Oltre al servizio di animazione delle funzioni liturgiche, la Cantoria ha collaborato con l’Accademia Filarmonica di Cuorgnè interpretando brani classici e non quali “Ofortuna”dei Carmina Burana, l’”Aida” e il “Va’ pensiero” di Giuseppe Verdi, “Happy Christmas – War is over” di John Lennon ed altri classici natalizi. Negli anni scorsi, ha partecipato ad alcuni incontri missionari tenutisi presso la diocesi di Vercelli, presentando in tali occasioni vari brani in lingue straniere (spagnolo, kiswahili, indi e vietnamita)
Canto in swahili “MUNGU NI PENDO” – (DIO E’ AMORE)
Canto tradizionale della Tanzania che descrive la gioia dell’uomo per essere stato salvato dalla schiavitù del peccato.
Loda e ringrazia Dio servendolo ogni giorno.
LEINI’ Coro parrocchiale
 
Il nostro coro da qualche anno si impegna ad animare le celebrazioni settimanali (le messe vespertine o quelle della domenica alle 9.30) e, insieme agli altri cori parrocchiali, le celebrazioni importanti del tempo liturgico.
 
Amiamo il repertorio Gen e da questo abbiamo tratto uno dei brani che eseguiremo stasera: RESTO CON TE.
 
Nell’ultimo anno abbiamo fatto una bella grande esperienza: durante la Quaresima abbiamo proposto alla comunità una serata di riflessione sulla Passione di Gesù attraverso canti originali, immagini e parole. I canti sono opera di Renzo e Silvio Marcato (chitarrista e tastierista del gruppo): uno di questi lo presenteremo anche a voi questa sera, si intitola AI PIEDI DELLA CROCE.
 
E poiché ci piace anche sperimentare, vorremmo proporvi una versione nuova di un canto che tutti conoscete SYMBOLUM 77.
 
Per finire… Se vi state chiedendo cosa significa questo strano nome del coro, ecco qua: Emebet nella lingua etiope era un titolo nobiliare e significa TU SEI LA SIGNORA. Per noi, più semplicemente, è il nome di una bellissima bambina che abbiamo adottato a distanza da qualche mese attraverso il Centro aiuti per l’Etiopia.
CORALI PARROCCHIALI DI BRANDIZZO
Siamo una formazione molto recente: il nostro gruppo è nato infatti nel 2015 con l’biettivo di realizzare un concerto per ricordare due sacerdoti che sono stati davvero molto importanti per la nostra comunità. Avrebbe dovuto essere un evento isolato, ma ci è piaciuto cantare insieme, e continuiamo a farlo, proponendo un programma abbastanza eclettico, che trova tuttavia il suo perno musicale nel genere Spiritual e presenta un filo conduttore tematico: il rapporto tra uomo e Dio, in tutte le sue implicazioni emotivo/sentimentali, e inteso soprattutto come amore, lode, attesa, speranza.
Il gruppo si è formato intorno al nucleo storico dei NonSoloGospel, attivi fina dagli anni ’70 sotto la guida del maestro Francesco Matta con recital, operette, musical e concerti.
Con il nome originale Living Gospel ha iniziato la sua attività artistica con quattro recital musicali il cui scopo principale era la diffusione di messaggi ispirati alla fratellanza e alla solidarietà umana attraverso la parola agita e la musica.
All’inizio degli anni ’90 sono state allestite con successo e rappresentate in numerosi teatri due tra le commedie musicali più famose di Garinei e Giovannini: Accendiamo la lampada e Aggiungi un posto a tavola. La compagnia si è poi cimentata più recentemente (2008) nel musical Pinocchio nella versione presentata dalla Compagnia della Rancia, e ha ideato opere originali come C’era una volta il cinema o Metti una sera a Broadway.
Durante tutta la sua storia non ha mai trascurato la consuetudine concertistica che ha abbracciato, negli anni, un repertorio molto vasto all’interno della musica polifonica, classica e contemporanea, senza trascurare l’opera, l’operetta, il Gospel.

v                      
Le fotografie del 16 novembre 2019      GUARDA IL VIDEO CLIP
Torna ai contenuti